Informare o narrare?


Si fa un gran parlare della ri-scoperta della narrazione nel mondo del business. Il cosiddetto Corporate Storytelling suscita ancora alcuni dubbi nei comunicatori più refrattari all’innovazione, ma di fatto è stato il tema centrale dell’anno passato.

Dal punto di vista di social web sono state premiate le piattaforme come Instagram che sono puro storytelling. L’attenzione degli addetti ai lavori è concentrata su Facebook Canvas, grande novità del 2016. In breve siamo passati dalla cura del contenuto all’inserimento dello stesso in una storia. Ho dedicato diversi post al tema dello storytelling e ti invito a leggerli.

Lo storytelling è sempre l’approccio giusto? A parer mio non esiste l’approccio giusto, esiste l’approccio che funziona. In secondo luogo, prima di rispondere dobbiamo confrontarci su quattro diverse questioni:

  1. A chi parliamo
  2. Chi siamo
  3. Di cosa stiamo parlando
  4. Dove lo stiamo facendo

Possiamo fin da subito dire che se è necessario che la narrazione dia informazioni, non è scontato che l’opposto. Nella forma del racconto non sono esclusi accorgimenti come quello delle 5W (Who, What, Where, When, Why). A proposito leggi questo bel post di Pier Luca Santoro.

Possiamo ricorrere alla semplice informazione nel momento in cui ci limitiamo nell’istantanea del fatto.

Il gruppo podistico Barefoot Friends si radunerà a Parco della Vittoria, domani 14 febbraio alle ore 9.00, per una sessione gratuita di 60 minuti aperta a tutti di tecnica di corsa barefoot.

La narrazione diventa un passaggio obbligato nel momento in cui vogliamo uscire dalla descrizione dell’istantanea del fatto. Uscire dall’istantanea significa relazionare il fatto con qualcosa e raccontare questa relazione in maniera più o meno emozionale.

Noi di Barefoot Friends siamo da sempre molto attenti ai vantaggi di un approccio naturale alla corsa. Per condividere con te l’esperienza di una corsa minimal, con una percezione maggiore dell’ambiente all’interno del quale corriamo, ti invitiamo a Parco della Vittoria alle 9 di domenica mattina per una sessione gratuita e aperta a tutti di tecnica di corsa barefoot.

Oppure sfruttare il cosiddetto diamante (Vedi Lavoro, dunque scrivo! Luisa Carrada, Zanichelli 2012, pag 140)

Seminario gratuito di barefoot running
Domenica 14 febbraio, ore 9.00 Parco della Vittoria

L’esperienza della corsa è ancora più entusiasmante se vissuta senza ingombranti barriere tra i nostri piedi e il terreno. Le prime volte che abbiamo indossato scarpe minima o barefoot la sensazione era … Per viverla al meglio, in sintonia con l’ambiente all’interno del quale ci immergiamo quando corriamo, noi di Barefoot Friends abbiamo organizzato un seminario gratuito per apprendere la tecnica di corsa con calzature minimal o barefoot. L’incontro durerà un’ora e sarà aperto a chiunque voglia sperimentare un nuovo approccio al running. Ti aspettiamo per vivere questa esperienza insieme a noi!

Il concetto di correlazione tra l’evento e le persone – il noi e il voi – è un’occasione ghiotta per creare il rapporto con la tua community e invitare il lettore a compiere un’azione. Quindi anziché chiedermi perché portare l’informazione sul piano narrativo, mi chiederei perché non farlo.

magazines-desk-work-workspace.jpg

2 comments

  1. Era la mia passione correre ma a causa di un incidente mi hanno fatto un artrodesi (articolazione caviglia bloccata) pensate che in questo modo potrei tornare a correre

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...