Il tempo nel Corporate Storytelling


Il concetto di tempo è sempre stato uno dei concetti chiave della filosofia in tutte le epoche.

Lo è indubbiamente anche nel complesso mondo della comunicazione. Ha delle dinamiche ben precise che vanno comprese e rispettate per massimizzare il risultato del proprio lavoro.

Il racconto stesso è costituito da una serie di avvenimenti in un determinato o indeterminato arco di tempo. Il legante tra questi eventi è solitamente la causa-effetto. Senza il concetto di tempo, non ci è possibile addirittura anche solo pensare una storia.

Ma qual è la mia dimensione temporale? Come posso identificare lo spazio temporale all’interno del quale vado a muovermi?

146HAndrea Bernardelli ne La Narrazione ( Editori Laterza, 2006) distingue tra:

  1. il tempo della storia, ovvero l’arco di tempo durante il quale si svolge la storia
  2. il tempo della narrazione, che invece dipende dalla collocazione temporale del narratore
  3. il tempo del racconto, che riguarda il modo e le forme attraverso le quali è gestita la trama (linearmente, con dei flashback, a salti, etc.)

Il tempo della storia
La storia di una azienda non è un romanzo, è più una antologia di racconti e spesso scritti da autori diversi. Nel Corporate Storytelling vive una moderna Sherazade. Nelle decine e centinaia di racconti che compongono questa antologia vivente il tempo della storia non è certo identificabile in un determinato arco temporale. Raccontare il congresso annuale dei donatori per una ONG o un corso di aggiornamento per la forza vendite, oppure l’anniversario dei 30 dalla nascita della società e ancora la storia che fa da sfondo alla promozione natalizia con sconti e concorsi, sono tutte storie a sé stanti con un orizzonte temporale ben definito ed autonomo. Vi ricordate che non è l’azienda (o l’organizzazione) la protagonista della propria storia?

Il tempo della narrazione
Tutt’altro vale invece per il cosiddetto tempo della narrazione. Il narratore ha una collocazione spazio temporale ben precisa…..o forse no? Chi è il narratore oggi? Individuare la figura del narratore nel Corporate Storytelling è tutt’altro che facile. Vi sono due differenti chiavi di lettura:

  1. Il Narratore/Storyteller è quel losco figuro che, dipendente o collaboratore dell’impresa, ne racconta le gesta
  2. I Narratori sono coloro che raccontano le gesta dell’impresa.

Ad esempio, se un cliente descrive in un post del suo blog un servizio specifico o ancor più semplicemente racconta la propria esperienza ad un determinato convegno, non è esso stesso un cratere di contenuti (prosumer), una qualche specie di autore? Io sostengo che il Narratore, lo Storyteller siamo fondamentalmente uno e che non ve ne siano di inconsapevoli tra i prosumer, ma ciò lo argomenterò in un post fra poche settimane. Se mi date per buona questa posizione la comunicazione narrativa non si discosta molto dal presente; possiamo raccontare storie appena successe o che succederanno a breve, ma sarà difficile occuparsi di eventi lontani nel tempo ameno che non sia funzionale a dar valore ad un avvenimento presente.

Il tempo del racconto
Questo è, a parer mio, il vero terreno di gioco del corporate storytelling. Qui il narratore trova libero sfogo nel giocare con i modi e le forme più avvincenti e adatte a creare valore per il proprio lettore. La domanda che si deve fare il moderno narratore d’impresa, a questo punto è: come rappresenterò le vicende che vanno a costituire la mia storia.

Il terreno di gioco del narratore
I limiti del Corporate Storytelling da un punto di vista temporale sono quindi ben chiari. Sappiamo che ogni racconto ha la sua dimensione e che questa non si scosterà di molto dal presente. La vera sfida quindi è giocare sull’anticipazione, sui flashback e su quei piccoli accorgimenti, come le pause narrative, al fine di creare e soddisfare ciclicamente le aspettative del lettore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...