Il prezzo di un eBook


La diffusione di strumenti quali eReader e tablet ha favorito la nascita di quella che comunemente viene chiamata editoria digitale.

Ad approfittarne sono stati una miriade di autori “improvvisati”. In questo caso però il termine “improvvisato” non ha una connotazione negativa. È intuibile anche dai più ottusi che i motivi che possono spingere un editore ad ignorare un certo autore sono molteplici e non solo la scarsa qualità delle opere prodotte. La vendibilità, la consistenza della nicchia alla quale lo scrittore si rivolge, e molti altri motivi sono determinanti (ricordiamoci che non c’é molto di cui andare fieri pubblicando “50 sfumature di grigio”…). Negli Stati Uniti questi autori improvvisati sono i responsabili del 30% dei Best Seller venduti su Amazon (leggi qui).

Qualche mese fa feci un breve sondaggio, qui sul mio blog, e proprio in questi giorni torna a parlarne un autore indipendente, Alessandro Girola, sul suo blog Plutonia Esperiment. Oggi vorrei incrociare i dati del mio sondaggio (che ha visto comunque una partecipazione numericamente troppo scarsa per essere considerato indicativo) con le tesi di Girola che potete leggere qui.

Ripeto, il totale dei partecipanti al mio sondaggio è troppo basso per poter essere considerato significativo. Io posi tre domande relative al prezzo “giusto” per un eBook di un autore indipendente. La prima verteva su racconti o romanzi non più lunghi di 100 pagine, la seconda su romanzi brevi o raccolte di racconti dalle 100 alle 200 pagine e la terza relativamente a romanzi oltre le 200 pagine.

Schermata 10-2456576 alle 10.41.43

È interessante vedere che 26 dei 46 che hanno risposto alla prima domanda hanno optato per una cifra sotto l’euro (<99 cent), come era prevedibile.

Schermata 10-2456576 alle 10.44.48

Per i romanzi brevi la percezione del prezzo giusto cambia. 22 su 43 ritengono di poter spendere fino a 2 € per un romanzo breve autoprodotto. Mentre 21 sono disposti a superare la soglia dei 2 €.

Schermata 10-2456576 alle 10.48.41

I romanzi lunghi vengono valutati maggiormente. 31 votanti su 47 suggeriscono un prezzo superiore ai 3 euro. È abbastanza curioso vedere come, pure per opere di una certa mole, alcuni lettori non sono disposti a spendere più di 0,99 €.

In molti hanno definito i 99 cent come il nuovo gratis e anche a parer mio lo è.
Se vogliamo che nel futuro della letteratura indipendente ci sia posto per un self publishing di alto livello, fatto non solo di aspiranti scrittori annoiati, dobbiamo imparare a non svendere nulla. Dare valore alle loro opere è il primo passo.

Se spendiamo 9,99 € per l’ultimo noiosissimo eBook di Dan Brown (ebbene sì, pure io l’ho acquistato), ma 2 o 3 € per un bel thriller di un autore sconosciuto ci sembrano troppi, allora è il momento di ripensare il nostro ruolo di lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...