Scott Turow e l’era dei dinosauri


Una-uova-teoria-sull-estinzione-dei-dinosauri

Scott Turow non ha bisogno di presentazioni. È uno scrittore con alle spalle best sellers come Presunto Innocente e Errori Reversibili che si è guadagnato un posto nell’olimpo dei legal thriller, oltre ad essere presidente dell’Authors Guild of America.

Fa effetto vedere autori così scafati scagliarsi contro Google, AmazonYouTube e compagnia bella. Soprattutto quando le motivazioni sono, a pare mio, decisamente banali e generiche come quelle apparse sull’Huffington Post di ieri. I commenti ovviamente non si fanno attendere, critici e molto spesso puntuali, a dimostrazione che il lettore di oggi non è più così passivo e inconsapevole, come se lo immagina lo scrittore americano.

Turow se la prende con Google, Amazon e Youtube in quanto in un certo qual modo diffondono la pirateria (Cosa centra Amazon non l’ho capito). Addirittura questi colossi, a detta dell’autore, opererebbero solo per profitto e non per il bene della cultura. Al di là dell’arcanum imperii che non ci saremmo mai immaginati, non mi risulta che gli editori e i distributori lavorino per la gloria.

Un ultimo attacco, viene lanciato da Turow verso l’inevitabile scomparsa degli autori. Non dimentichiamoci che nel settore della musica così come dell’editoria, a guadagnarci (90 volte su 100) non sono gli autori, bensì chi presidia la filiera (editori e distributori).

Certo, vi sono casi come quello di Longanesi che pubblica “La testimone del fuoco” di Lars Kepler (autore de “l’ipnotista”) a 13,99€ in ebook e 15,81€ rilegato che fanno pensare ad una provocazione nei confronti dei lettori del formato digitale. Provocazioni che potrebbero spingere a cercare nella pirateria una soluzione temporanea (come è successo per la musica).

Schermata 06-2456454 alle 10.28.33

Il mondo non è fatto solo di furbi che passano le notti cercando il sistema di fregare il prossimo (anche se qualcuno così lo si trova sempre). Il mondo si sta evolvendo, sta mutando, che lo si voglia o no. Sentire autori come Turow o King schierarsi apertamente contro questo tipo di rivoluzione mi ricorda un po’ la figura dello stolto che si ripara da uno tsunami dietro ad un ombrellone. La domanda che i vecchi dinosauri da bancarella al supermercato dovrebbero porsi è: voglio cavalcare l’onda o attendo qui la mia estinzione?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...